L'Osteopatia è una medicina manuale non convenzionale di tipo olistico riconosciuta dall'O.M.S (Organizzazione Mondiale della Sanità) che considera l'individuo nella sua globalità: ogni parte costituente la persona, psiche inclusa, è dipendente dalle altre, ed il corretto funzionamento di ognuna assicura quello dell'intera struttura, e così l'equilibrio psico-fisico ed il benessere della stessa.
Il trattamento osteopatico manuale dell'organismo si basa sul concetto dell'Autoguarigione del corpo. L'Osteopata agisce dunque in quest'ottica: qualora un evento traumatico, o insulti ripetuti (sia di tipo fisico che psichico), destabilizzino il corpo a tal punto da non consentirne più il corretto funzionamento, con l'insorgenza di quadri dolorosi o altri disturbi, egli interviene con semplici tecniche, esclusivamente manuali, per consentire al corpo di ripristinare la propria Omeostasi. L'Osteopatia può quindi agire sia a scopo curativo ma anche preventivo e le indicazioni per un trattamento sono molto ampie ed indicate per tutte le fasce di età.


...la sua storia

Il 1874 è considerato l’anno di nascita dell’Osteopatia. Andrew Taylor Still (1828-1917), un medico americano, ne dichiarò l'esistenza dopo numerosi anni di studi e pratica della Medicina Tradizionale, dedicando la propria vita allo sviluppo di una nuova Scienza ed Arte al quale diede il nome di "Osteopatia": il significato di questa parola è derivato dalle terminologie greche "Osteon" = tessuto osseo, e "Pathos"-"Pathine"= sofferenza, intendendo il tessuto osseo come punto di partenza valutativo per accertare le cause delle condizioni patologiche; tuttavia il termine può essere interpretato come "Sofferenza dei Tessuti corporei", ed è proprio su quell'aspetto che l'Osteopata basa la propria concezione durante la valutazione ed i trattamenti osteopatici.

Alcuni Medici-Osteopati, allievi del Dr. Still, furono fondamentali per lo sviluppo dell'Osteopatia come
William Garner Sutherland, il quale concentrò i propri studi sulla conoscenza del cranio ed unendoli alle concezioni osteopatiche, definendo un'innovativo metodo di trattamento chiamato "Cranio-Sacral Technique" e dando vita ad una delle branche fondamentali della Medicina osteopatica, l'Osteopatia Cranio-Sacrale, e John Martin Littlejohn il quale rese la visione filosofica del Dr. Still poggiata su basi scientifiche e maggiormente dimostrabili.

La diffusione dell'Osteopatia fu molto rapida riuscendo in meno di un secolo ad estendersi in quasi tutte le parti del mondo.